Casavatore nel cuore dei giglianti…

Casavatore e quel sapore amaro che da tre anni, rattristisce un popolo di appassionati.

Ci ritroviamo a raccontare ancora una volta un luglio, senza l’armonia ed il folklore tra le strade di Casavatore; Via Giacinto Gigante e Corso Italia, tutto regolare, Corso Europa e Piazza Gaspare Di Nocera, tutto calmo, tutto fermo, una domenica come tante, che nasconde la tristezza di chi sogna di poter rivedere queste strade affollate, da appassionati, con musiche e canzoni, di chi vuol immaginare che quei gigli, stanno proprio lì ballando ancora una volta per il Santo Giovanni Battista. Purtroppo, solo sfumature, ricordi e sogni, che si infrangono in una dura verità, quella di una festa martoriata a discapito di coloro che ogni anno sacrificano lavoro e famiglie per prodigarsi nella realizzazione della stessa, solo per amore della propria terra, della fede del Santo e per la passione sconsiderata per i gigli.

La storia insegna che non bisogna mai abbandonare i propri sogni, non bisogna permettere di farsi togliere la felicità e di sicuro questa Città, tornerà a riabbracciare quei giganti di legno e passione, ritornerà a coccolarseli ed a portarli a spalla con il cuore e l’amore.

Dal web, molti messaggi d’amore per questa festa e la sua gente, messaggi da ogni paese dei gigli, da caporali, cantanti associazioni e tanti addetti ai lavori, ma anche da tanti appassionati, messaggi di speranza, di supporto e di sprono a tener duro che prima o poi tutto si aggiusterà.

UN FORTE AUGURIO AL POPOLO DI CASAVATORE, CHE IL PROSSIMO ANNO POSSIAMO FESTEGGIARE TUTTI INSIEME NEL MESE DI LUGLIO…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *