Lettera di un appassionato

Vi proponiamo una lettera arrivata nella nostra redazione da parte di un cittadino barrese, che si rivolge al suo popolo in merito alla Festa dei Gigli

Invito tutti i cittadini #Barresi, a cui non piace la Festa, di espatriare semplicemente per qualche giorno o quantomeno ad evitare di lamentarsi o ancor più grave di fornire spiegazioni su una cosa che non si conosce perché non si vive. Sappiate che le #tradizioni rappresentano anche la cultura di un popolo, ed è per me da stupidi nonché da ignoranti dare giudizi senza calarsi nei contesti e aggiungo con una citazione: “E’assai umiliante vivere nel paese dove si è nati e ignorarne le origini e la storia”.

Lapegna – Barra 1929. La Festa dei Gigli di Barra a quasi 200 anni di storia certificata; in questi 200 anni, nonostante le evoluzioni (positive o negative che siano), si sono scritte migliaia e migliaia di versi, di musiche e si sono svolte migliaia di manifestazioni che volete o meno, se siete Barresi, hanno coinvolto statisticamente almeno un vostro antenato!!!
Ancor più ridere mi fanno quelli che pensano che la Festa sia composta da persone appartenenti a ceti bassi, quindi troppo per il loro pseudo livello!!! La Festa invece, cari schifettosi del cazzo, unisce vari ceti… dal classico popolino (il vero cuore della tradizione) al ceto medio/alto, quella domenica si può vedere il muratore o il parcheggiatore abusivo con l’avvocato o l’imprenditore uniti in un abbraccio di Festa (docet ‘A livell del Principe Toto’) !!! Se quindi la Festa non vi piace perché non vi sentite adeguati, sappiate che IL PROBLEMA è VOSTRO. Non sarete adeguati in tanti altri contesti e non solo nella Festa. Se semplicemente non vi piace , abbiate semplicemente rispetto e il buon senso di non piagnucolare !!!

Se invece non vi piace perché è cambiata… beh sappiate che nella vita tutto cambia sopratutto con l’avanzate del tempo e delle generazioni. Tutto si evolve, in positivo o in negativo, e se oggi qualcuno mi dice: ‘a festa nun è chiu chella dei tempi miei (magari 30 anni fa); io semplicemente gli rispondo dirò la stessa cosa tra 30 anni ai miei figli: Uaglio ‘a papà , ‘a festa era festa quando ‘o facevo io ‘o giglio !!!!

È così, è sempre stato così e così sarà per sempre!! Anche la vostre moglie/mariti con la vecchiaia cambieranno e non saranno più quelli di una volta ma non smetterete MAI di amarli/ e!!!!!
W La Festa dei Gigli, Buona Festa a tutti i Barresi, quelli veri, quelli che con sacrifico fanno il possibile per continuare questa tradizione!! Ai nostalgici dico: amatela sempre !!!

#amatela #rispettatela #difendetela

 

Giuseppe Testa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *