Raffaele Caccavale si racconta alla SavioGroup

L‘associazione SavioGroup ha avuto l‘onore di intervistare un paio di giorni fa una delle voci storiche più belle della festa dei gigli: Raffaele Caccavale.

Il noto cantante nolano ha accolto la redazione festadeigiglibysaviogroup nello studio musicale di casa sua, dove sono custoditi i cimeli storici della sua lunghissima carriera che dura da circa quarant’anni. Raffaele ha risposto a una serie di domande che gli hanno permesso di raccontare aneddoti legati al suo esordio canoro, ricordando con commozione la figura del papà, il grande cantante dei gigli Felice Caccavale, scomparso nel 1984 al quale Raffaele era molto legato.

In quelle due ore trascorse in sua compagnia, abbiamo avuto modo di approfondire la personalità carismatica e sensibile del cantante nolano, il quale ha presentato il suo ultimo progetto musicale dal titolo: “Ciak si canta!… Mi sveglio e vedo te”, che peraltro è sorto principalmente per scopi di beneficenza. Infatti, parte del ricavato del cd sarà devoluto alla mensa fraterna, e poi per l‘acquisto di giochi per bambini. Raffaele è una persona molto attenta ai problemi che attanagliano la città di Nola e con il suo gesto ha voluto tendere la mano ai più bisognosi.

Nel cd vi è anche la voce del figlio Rosario che ha intrapreso la carriera paterna e dell‘indimenticato nonno, mentre il primogenito Felice è un affermato tastierista e compositore, amante della musica jazz.

Nell’arco della sua longeva carriera canora l‘amico Raffaele, per tutti zio Raff, ha voluto rammentare lo storico sodalizio degli anni 80/90 del secolo scorso con lo storico collega ed amico, il cantante Tonino Giuliano al quale Caccavale è legato da un profondo affetto, e del duetto, in occasione del trasporto del giglio a Roma nel 2007, con Carmine Parisi, scomparso nel 2015, indiscussa voce storica dei gigli, a partire dagli anni 70.

Del duetto con Tonino Giuliano, Raffaele sottolinea che è stato uno dei più forti, capace di contrastare cosi i sodalizi di quell’epoca, come i fratelli Carmine ed Enzo Parisi, i fratelli Giuseppe e Luigi Carosone, Franco Di Palma e Giacomo Di Maio.

Non sono mancate da parte di Raffaele delle polemiche circa la gestione attuale della festa dei gigli e sulle modalità di approccio delle giovani leve nel mondo musicale della kermesse nolana. Questi ed altri punti sono stati oggetto di lucida disamina da parte di Raffaele a cui va il nostro più sincero ringraziamento per aver dedicato un po’ del suo tempo alla nostra redazione.

L’associazione Savio Group augura alla famiglia Caccavale una brillante e splendida carriera nel mondo dei gigli ed auguriamo a Raffaele un grande in bocca al lupo per la sua nuova avventura canora con la Barca di San Paolino 2019.

Il lavoro discografico sarà disponibile qui dal giorno 10 febbraio 2019

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *